Curiosity Driver Ricette Arte Curiosità

i Grandi bevitori da Bukowski a Grignani

I grandi bevitori da Bukowski a Grignani,

I grandi bevitori da Bukowski a Grignani

Per i grandi bevitori, c’è poco di meglio che concludere una lunga giornata con un bicchiere di whisky. E non importa quanto uno è famoso, questo piacere non può essere sostituito.

Alcuni potrebbero preferire uno scotch o un bourbon, altri del vino o una birra media. Ad ogni modo, tutto ciò di cui si ha bisogno è un bicchiere, forse solo con un po ‘di ghiaccio.

Pronto a versarti dell’alcol in un bicchiere, in questo momento? Lasciati ispirare da questi personaggi eccentrici che ogni tanto adorano un bicchiere di “roba”.


Alessandro Magno

I grandi bevitori da  Bukowski  a Grignani

Re macedone

Alessandro Magno era un leggendario generale dell’antica Grecia che è considerato uno dei più grandi comandanti militari di tutti i tempi. Man mano che il suo potere cresceva, cresceva anche il suo senso di paranoia e megalomania. Si considerava un dio e aveva un comportamento sempre più irregolare che lo portava a uccidere. Alcuni storici attribuiscono come causa di questo comportamento a un problema di alcolismo, che ha contribuito alla sua prematura scomparsa all’età di 32 anni.

Più che ‘magno’…. Alessandro Bevo

Vincent van Gogh

I grandi bevitori da  Bukowski  a Grignani

Van Gogh era innamorato dell’assenzio che appariva in molti dei suoi dipinti. Durante gran parte dei suoi anni più produttivi, la dieta di Van Gogh consisteva principalmente di pane, caffè, alcool e sigarette. L’alcol è almeno in parte responsabile del declino mentale che ha portato alla sua rimozione dell’orecchio nel 1888 e al suo suicidio nel 1890. Nonostante il suo alcolismo e la sua cattiva salute mentale e fisica, è stato incredibilmente prolifico negli ultimi anni, producendo oltre 2100 quadri.

Vincent Van Grog

Ernest Hemingway

Ernest Hemingway bevitore

Ernest Miller Hemingway era un famoso romanziere e scrittore di racconti americani. Faceva parte della comunità di espatriati degli anni ’20 a Parigi conosciuta come Lost Generation. Sin dalla tenera età Hemingway è stato un forte bevitore e di conseguenza ha ceduto all’alcolismo nei suoi ultimi anni. A quel punto aveva sofferto di problemi sia fisici che mentali. Poco dopo essere stato rilasciato da un ospedale psichiatrico si suicidò a casa sua con un fucile da caccia.

Non ci sarebbe il Mojito

Frank Sinatra

Frank Sinatra bevitore

È risaputo che ‘Blue Eyes’ ha adorato il Jack Daniel . Al diavolo, è stato anche seppellito con una bottiglia del Vecchio n. 7 quando è morto nel 1998. Jack Daniel ha rilasciato una bottiglia in onore del cantante chiamato Sinatra Select – che onore maggiore potrebbe esserci? Dopotutto, ha detto, “L’alcol può essere il peggior nemico dell’uomo, ma la Bibbia dice <ama il tuo nemico>”.

King of swing

Sir Winston Churchill

Sir Winston Churchill bevitore

Le star del cinema e gli scrittori non sono i soli a sapere come bere un buon bicchiere di whisky. Persino l’ex primo ministro britannico Winston Churchill sapeva che il whisky era la chiave per una vita migliore, sia a casa ma anche quando stava combattendo per il suo paese. Disse: “Quando ero un giovane subalterno nella guerra sudafricana, l’acqua non era adatta da bere. Per renderla appetibile, abbiamo dovuto aggiungere del whisky. Con un piccolo sforzo, ce la siamo fatta piacere. “

Grande Gary Oldman

Johnny Cash

Johnny Cash bevitore

Johnny Cash inizia a bere in modo eccessivo mentre la sua carriera stava decollando alla fine degli anni ’50. Inoltre è diventato dipendente da anfetamine e barbiturici. Fu arrestato più volte e ogni volta il suo soggiorno non durava più di una notte. Ha interrotto l’uso di alcol e droghe per un periodo di sette anni dopo la nascita di suo figlio che lo ha ispirato a porre fine alla sua dipendenza. Ha iniziato a usare di nuovo le anfetamine nel 1977.

Ancora una volta dipendente, è entrato nella clinica Betty Ford a Rancho Mirage, in California, per la riabilitazione. Anche se è riuscito a rimanere senza droghe per diversi anni, ci ricade e ricade….

Mitico Cash…

cose da non chiedere a un barman

Charles Bukowski

I grandi bevitori da Bukowski a Grignani

Charles Bukowski. Scrittore e bevitore feroce mai dispiaciuto di questo, Bukowski è inciampato nella vita con una lattina di birra in mano, rimbalzando su tutto ciò che ha trovato su suo cammino.

Le sue abitudini alimentari, erano selvagge, autentiche e atipiche. Diciamolo, uno dei più brillanti alcolisti.

“Bere è una cosa emotiva. Ti allontana dallo standardismo della vita quotidiana, dal momento che tutto è uguale. Ti strappa fuori dal tuo corpo e dalla tua mente e ti lancia contro il muro. Ho la sensazione che bere sia una forma di suicidio in cui ti è permesso tornare alla vita e iniziare tutto il giorno successivo. È come uccidere te stesso, e poi sei rinascere. Immagino di aver vissuto circa dieci o quindicimila vite .”

Gran carisma…

Haruki Murakami

Haruki Murakami bevitore

L’autore giapponese Haruki Murakami è noto per i romanzi più venduti come The Wind-Up Bird Chronicle e 1Q84 . E’ un fantastico bevitore di whisky, ma solo del whiskey giapponese. “Il whisky, come una bella donna, richiede apprezzamento”, ha detto. “Prima guardi, poi è il momento di bere.”

Gran classe e surrealismo…

Andre the Giant

Andre the Giant bevitore

Volevamo davvero avere Andre the Giant in questo elenco, perché nessun elenco relativo all’alcol è davvero completo senza Andre.

Il Gigante era veramente uno dei bevitori più tenaci di tutti i tempi. La sua capacità di bere alcol era leggendaria ed è considerato la persona che regge di più nella storia.

Con Hulk Hogan. Mentre i due erano in tournée in Giappone, Andre ha bevuto 12 bottiglie di Pouilly-Fuissé bianco durante un viaggio in autobus di tre ore.

Quando un barista del Kansas City disse, ultimo giro che si chiude, Andre ordinò 40 vodka tonic. Continuò a bere fino alle cinque del mattino.

Ci manchi Andre!

I grandi bevitori da Bukowski a Grignani

Boris Yeltsin

Boris Yeltsin bevitore
Boris Yeltsin bevitore

L’ex presidente russo Boris Eltsin è sicuramente il leader mondiale più ubriacone dell’era moderna. Nel 1994, scattò e strappò la bacchetta dalla mano di un direttore di un’orchestra militare a Berlino e iniziò a dirigerla da solo.

Nel 1995, Bill Clinton afferma che Eltsin, che soggiornava a Washington alla Blair House , fu scoperto ubriaco, in mutande, a chiamare un taxi in Pennsylvania Avenue. Clinton riferì di aver detto agli agenti dei servizi segreti che volevano solo una pizza.

Altro che Putin…

Paul Gascoigne

Uno dei più talentuosi giocatori di calcio (inglesi) tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90. Ma ancora meglio conosciuto per i suoi gusti per ogni tipo di dipendenza. A Gazza piaceva mangiare, giocare d’azzardo, droghe e soprattutto alcolici. Ciò ha portato a molteplici incidenti e persino a tentativi di suicidio. Tuttavia Gascoigne sta ancora resistendo.

Pazzo Gazza…

Gianluca Grignani

I grandi bevitori da  Bukowski  a Grignani

Le disgrazie d’alcolismo di Gianluca Grignani sono note e durante il concerto di Capodanno del 2016 il cantante si era presentato sul palco di Gigi D’Alessio indiscutibilmente ubriaco (gonfio come na mongolfiera), creando profondo imbarazzo nel conduttore e nel pubblico. La notizia del suo ricovero per intossicazione etilica ha fatto il giro d’Italia…

Ne la prima ne l’ultima volta che Grignani ha problemi per abuso di alcol – il 23 maggio del 2014 è salito ubriaco sul palco del concerto di Omar Pedrini a Brescia, e il 12 luglio dello stessa anno a Riccione ha avutoda un attacco di panico a cui è seguita una baruffa con i carabinieri – ma questa volta il musicista non ha avuto comportamenti violenti e si è fatto curare: è salito in ambulanza quasi tranquillo per ospedale.

Eccetera eccetera…

Amy Winehouse

Amy Winehouse bevitrice

Amy Winehouse, cinque volte vincitore del Grammy Award, è ricordata per canzoni come “Rehab”, che contengono testi sul rifiuto del trattamento per abuso di droghe e alcol. Winehouse ha lottato pubblicamente con l’alcolismo e la tossicodipendenza durante gli ultimi anni della sua vita e la sua reputazione di ragazza da festa ha presto messo in ombra le sue abilità di cantante. Come altri famosi alcolisti, la sua salute è peggiorata rapidamente. Nel 2011, all’età di 27 anni, morì per avvelenamento da alcol.

Brava…

Bradley Cooper

Bradley Cooper bevitore

Bradley Cooper, famoso per i suoi ruoli comici in film come The Hangover , è sobrio da oltre un decennio. Dopo aver lottato con l’ alcolismo e una dipendenza da antidolorifici . Cooper è diventato sobrio all’età di 29 anni e non si è mai guardato indietro. In un’intervista, Cooper spiega come la vita sia megliore da sobrio.

“Non sarei seduto qui, se non avessi smesso”, ha detto. “Non sarei stato in grado di avere accesso a me stesso o ad altre persone, se non avessi cambiato la mia vita.”

Una notte da leoni lunga una vita…

Mel Gibson

I grandi bevitori da  Bukowski  a Grignani

Mel Gibson ha iniziato a bere all’età di 13 anni e ha riferito che l’alcolismo corre nella sua famiglia da generazioni. Come maniaco-depressivo, l’alcol ha aggravato le sue condizioni e il suo comportamento e ha suscitato accuse di omofobia, razzismo, antisemitismo, sessismo e misoginia. In passato aveva cercato un aiuto professionale alle riunioni degli AA. Nel 2006, ha dichiarato di non avere contestato l’accusa di guida in stato di ebrezza e ha ammesso di aver fatto osservazioni antisemite durante il suo arresto. La sua condanna a tre anni di libertà vigilata includeva riunioni con gli AA obbligatorie.

Cuore impavido proprio hahaha…

Ultimo, ma non ultimo…

Mio zio Gianni

I grandi bevitori da  Bukowski  a Grignani

Mio zio Gianni di professione muratore. Sveglia alle 6:00, colazione con uovo sbattuto e caffè triplo di moka corretto grappa Nardini bianca. Al lavoro borraccia tradotta in un bottiglione da 2L di vino clinto, tanto per far felice “Greta” non consuma ne plastica ne spreca acqua. Pranzo con panino con mortadella e 2 Peroni da 75cl. Prima di rincasare tappa al bar per spriz, dove ordina tassativamente un prosecco e tre spriz Campari. Cena con pasta con fegatini e altre 2 peroni da 75cl. Caffè con resentin e un amaro prugna rigorosamente Ciemme. Notte.

Così sei giorni su sette, la domenica si ubriaca.

Altro che VIP…

I grandi bevitori da Bukowski a Grignani

Abiti stile anni 20 30 40
Abiti stile anni 20 30 40

© – Riproduzione riservata

IL TUO PENSIERO CI INTERESSA
[Total: 4 Average: 5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: