Aceto balsamico tradizionale eccellenza nazionale

Aceto balsamico tradizionale eccellenza nazionale

L’aceto balsamico tradizionale è un autentico nettare culinario che arricchisce i piatti con il suo sapore inconfondibile. Le zone più prestigiose per la produzione di questo aceto sono Modena e Reggio Emilia. Per riconoscere un aceto di buona qualità, cerca bottiglie etichettate come “Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia DOP” o “Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP”. Questi aceti balsamici sono realizzati con uve locali appena pressate per creare un mosto che viene cotto lentamente e poi invecchiato in botti per tra i 12 e i 25 anni.

Aceto balsamico tradizionale eccellenza nazionale

Ecco alcuni dei migliori aceti balsamici da considerare:

  1. Aceto balsamico di Modena Due Vittorie: Questo aceto balsamico I.G.P. di qualità Oro ha un gusto agrodolce equilibrato. È prodotto con mosti provenienti da vigneti selezionati in Emilia-Romagna ed è lasciato riposare in tini di rovere. È completamente naturale, senza coloranti né conservanti e non contiene allergeni.
  2. Aceto balsamico tradizionale Acetaia Malpighi: Invecchiato 12 anni, viene prodotto dal mosto di uve caratteristiche modenesi. È cotto a fuoco diretto, a vaso aperto, con una lenta ebollizione, fino a ridursi ad un terzo del suo volume iniziale. Questo aceto è dotato di un comodo tappo dosatore.
  3. Acetaia Medici Ermete Una tenuta dell’800, la Rampata, si trova la storica Acetaia di proprietà della famiglia Medici i cui vigneti sono condotti in maniera biologica. Alessandra Medici continua con passione la produzione dell’aceto Tradizionale DOP di Reggio Emilia di altissima qualità. Oltre all’acetaia è possibile far visita al Museo del vino. L’Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia DOP declinato nelle varianti Aragosta, Argento e Oro ha prezzi di 52, 79 e 100 € (per 100 ml).
  4. Acetaia San Giacomo Andrea Bezzecchi ha ereditato le batterie dal padre nel 1994 e ha avviato una produzione di successo a Novellara, in provincia di Reggio Emilia. L’acetaia San Giacomo oggi conta circa 800 botticelle certificate che riposano nel fienile della “Corte Faragosa”, visitabile su prenotazione.
  5. Acetaia Pedroni Tra le acetaie che producono Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP e IGP questa l’Acetaia Pedroni è tra le più antiche. Una storia curiosa partita nel lontano 1862, quando 6 generazioni fa Giuseppe Pedroni aprì l’osteria che tuttora serve ottimi piatti modenesi, conditi anche con il Tradizionale.
  6. Acetaia del Cristo Con 2.000 botti dedicate esclusivamente alla produzione di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena DOP, da 4 generazioni l’Acetaia del Cristo è tra la più importanti acetaie. Nella gamma dei Tradizionali, l’Acetaia del Cristo distingue tra il Classico (100 ml a 60 €) e quelli maturati in botti di ciliegio, ginepro, gelso, rovere, castagno (100 ml a 65 €). Per l’aceto extravecchio abbiamo Classico, Ciliegio, Ginepro, Gelso (tutti a 110 € per 100 ml).
  7. Acetaia Paltrinieri Dal 1845 Paltrinieri produce Aceto Balsamico Tradizionale di Modena con le uve dei vigneti di Trebbiano e Lambrusco che circondano la villa. Guido Paltrinieri ha a disposizione 1.000 botti. L’Acetaia Paltrinieri organizza visite per far scoprire i metodi di lavorazione, di maturazione e di invecchiamento. A disposizione dei visitatori, la Bottega per acquistare aceti e condimenti. E il ristorante nell’annesso agriturismo.

L’aceto balsamico tradizionale è perfetto per condire primi piatti come risotti e zuppe, ma si abbina anche alla carne e al pesce. Sperimenta e goditi questa delizia culinaria!

Vota articolo:
[Total: 1 Average: 5]